Che cos’è il Bitcoin ?

Cos’è il Bitcoin ?

Cos’è il Bitcoin ?

Il Bitcoin è una valuta digitale, la prima di natura decentralizzata, nata nel 2009 sotto lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, di quantità finita, il cui valore è legato esclusivamente dalla domanda e dall’offerta.

Digitale?

Si, è Digitale e viene prodotta e trasferita unicamente nella rete Internet.

Decentralizzata?

La detenzione, la creazione ed il valore non sono sotto il controllo di alcuna figura istituzionale, governativa o ente privato.

Esiste ed è garantita dal lavoro dei computer degli stessi utenti della rete, che hanno deciso di esserne parte installando il software Bitcoin, che ne validano le transazioni in modo del tutto automatico.

È prodotta grazie ai cosiddetti ‘minatori’ , anch’essi nodi della rete, attraverso l’attività di mining tramite la potenza di calcolo dei loro PC.

Finita?

L’algoritmo del software distribuito nella rete Bitcoin, che è alla base della produzione e del suo funzionamento, prevede che ne vengano creati solamente 21 milioni, di cui ognuno divisibile sino alla milionesima frazione, 1 satoshi.
Ad oggi sono stati prodotti circa 17 milioni di unità.
Essa viene trasferita nella rete Blockchain denominata Bitcoin, la rete internet creata per gestire le transazioni di bitcoin.

Come viene prodotta?

Attraverso l’attività di mining.

Asic Miner per Mining di Bitcoin

Asic Miner per Mining di Bitcoin

Avete presente l’estrazione dell’oro?
L’oro è limitato nel nostro pianeta ed il valore è esclusivamente una conseguenza della domanda e dell’offerta.

L’algoritmo prevede che tutti i PC della rete, con la loro potenza di calcolo ed in modo totalmente automatico, concorrano a risolvere un problema matematico garantendo al vincitore una frazione di quel bitcoin prodotto.

Se ci pensate bene è esattamente la rappresentazione digitale di ciò che accade nella realtà.

I PC rappresentano i minatori, la difficoltà di estrazione corrisponde alla potenza di calcolo, programmata dall’algoritmo per essere necessariamente sempre maggiore nel tempo, la pepita d’oro è il bitcoin ed una gemma di esso è la ricompensa per il minatore.

Come viene determinato il valore del Bitcoin ?

Esclusivamente dalla domanda e dall’offerta, ovvero tutti noi.

Teoricamente, per come è stato concepito l’algoritmo alla base del processo di mining, nel tempo il valore dovrebbe aumentare a causa della scarsità e sempre più difficile reperibilità.

Naturalmente non basta che un bene sia raro perché ad esso venga conferito valore, ma bisogna che vi sia qualcuno, una comunità, che gliene riconosca delle peculiarità, un’utilità o semplicemente un valore estetico, come un quadro di Picasso.

Nel caso di bitcoin il valore attribuitogli va ben oltre al concetto di rarità o di bellezza, che lo metterebbe sullo stesso piano di un metallo o di un fiore raro, ma viene dato ad esso per le molteplici peculiarità che lo caratterizzano rendendolo una moneta di scambio, e più generalmente una tecnologia di trasferimento dati del tutto eccezionale.

Tra gli aspetti unici la decentralizzazione, l’istantaneità delle transazioni ed i costi teoricamente irrisori.
Sono in molti ormai nel mondo, tra cui grandi guru dell’economia e della tecnologia, che credono fermamente si tratti della rivoluzione 2.0 di Internet.
Lì dove Internet ha permesso il trasferimento di dati a distanza, Bitcoin porta con sè quello di ‘trasferimento di valore’.

Ecco che cos’è il Bitcoin.

Una tecnologia destinata a rappresentare la nuova forma di pagamento per ogni servizio futuro, comportando quindi un’adozione di massa e conseguente aumento di valore, per alcuni potenzialmente stimabile in 1 milione di euro tra diversi anni.

Staremo a vedere…